REGOLAMENTO

STATUTO

SAN LUIGI BRUZZANO - ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISCA”

 

Sommario

Premessa

Introduzione

Regolamento

Art 1.          Il Consiglio Direttivo

Art 2.          Dirigenti

Art 3.          Presidente

Art 4.          Vice presidente

Art 5.          Tesoriere

Art 6.          Direttore Sportivo

Art 7.          I Consiglieri

Art 8.          Responsabile acquisti

Art 9.          Allenatore

Art 10.       Dirigente Arbitro e Ufficiale di campo

Art 11.       Dirigente di Squadra

Art 12.       Segreteria

Art 13.       Custodi

Art 14.       Atleti

Art 15.       Regole per variazione regolamento

Art 16.       Elezioni del Consiglio Direttivo

Art 17.       Disposizioni varie 


 

Premessa

Il presente regolamento si affianca allo Statuto dell’Associazione di cui si ritiene parte integrante.

La sua finalità è di dare completezza alla struttura organizzativa ed alle norme che regolano il funzionamento dell’Associazione.

Tutti i casi e le situazioni i cui trattamenti non siano stati previsti né dallo statuto né dal presente regolamento, dovranno essere trattati nel pieno rispetto dello statuto, secondo logica e con la prudenza e la diligenza del buon padre di famiglia.

Introduzione

Lo Statuto prevede varie figure all’interno dell’associazione:

  1. Il Consiglio Direttivo, di seguito detto CD (Consiglieri e Presidente);
  2. I soci (tratteremo in particolare degli atleti, ritenendo che lo statuto e l’impianto di legge definisca esaurientemente la figura, diritti e doveri dei soci nella gestione dell’associazione);
  3. L’assemblea dei soci;

 

Riguardo ai doveri e alle responsabilità delle figure di cui sopra si fa rimando allo Statuto stesso; il presente regolamento intende solo dare completezza alle norme che ne regolano le funzioni.

 

A queste sono affiancate altre funzioni che, ciascuna con il proprio ruolo e le specifiche mansioni associate, concorrono al buon funzionamento dell’associazione, e che verranno di seguito descritte:

  1. Dirigenti
  2. Collaboratori non dirigenti

 

Regolamento

 

Art 1.         Il Consiglio Direttivo

1.01          Esaurientemente normato nello statuto, il presente regolamento intende solo regolarne alcuni aspetti, in particolare:

a.    Il Direttivo è l’organo di governo dell’associazione e risponde, nei confronti dei soci e non, dell’operato della polisportiva e dei suoi membri.
Ne consegue che nessun membro o gruppo di membri componenti il Direttivo è autorizzato a prendere o comunicare a terzi decisioni proprie in nome e per conto del Direttivo stesso.

b.    Il Direttivo può altresì incaricare – sia ad negotia sia in via continuativa salvo revoca – suoi membri ovvero persone esterne per la gestione di determinate situazioni.
In questi casi, le decisioni prese dagli incaricati – siano essi singoli o “commissioni” - dovranno comunque essere sottoposte alla conferma del Direttivo.

c.     Le eventuali eccezioni, che non siano già previste per legge o per statuto, dovranno essere oggetto di delibera specifica da parte del Direttivo.

d.    Le sedute del CD non sono – di norma e salvo diversa disposizione – aperte al pubblico ed alle stesse possono partecipare solo i consiglieri eletti ed il consulente ecclesiastico.

e.    Eventualmente – in fase di convocazione – potranno essere rese “pubbliche” o essere, su specifico invito, aperte a determinate persone.

1.02          I componenti del consiglio che siano assenti per tre sedute consecutive senza giustificazione, verranno invitati dal Presidente a riflettere sulla loro personale posizione nei confronti del CD.
Qualora, nonostante il sollecito del Presidente si ripeta l’assenza ingiustificata, il CD può deliberare la decadenza della qualifica di consigliere.
Al posto del Consigliere decaduto subentra colui il quale alle elezioni sia risultato per numero voti in posizione subito successiva.

1.03          In caso di parità si applicano le norme di cui all’art. 11
Nelle votazioni, nei casi in cui ci sia parità, il voto del Presidente vale doppio.

Art 2.         Dirigenti

2.01          Sono quei soci che collaborano tra loro per la gestione dell’associazione. Essi sono:

I membri del CD

§   Il presidente

§   I vice presidenti

§   Il tesoriere

§   I Consiglieri

 

I dirigenti esterni al CD

§   Il Direttore Sportivo, di seguito detto DS

§   Il Responsabile acquisti

§   Gli allenatori

§   I Dirigenti arbitri e gli Ufficiali di campo

§   I Dirigenti di Squadra

 

2.02          Altre figure collaborano per il buon funzionamento dell’Associazione, pur non assumendo la qualifica di Dirigente, essi sono:

§   I componenti la Segreteria

§   I custodi

Art 3.         Presidente

3.01          E’ eletto all’interno del CD.

3.02          È il responsabile dell’associazione, al quale – per statuto – compete la rappresentanza legale della stessa.

3.03          Presiede le sedute del CD.

3.04          Sottoscrive – dietro delibera del Consiglio - il tesseramento dei soci, sia atleti che non.

3.05          Nei casi di richieste d’iscrizione estemporanee, il Presidente è autorizzato dal Consiglio stesso ad accettarle o meno a proprio giudizio e con la diligenza del buon padre di famiglia, dandone  comunicazione al Consiglio alla prima convocazione utile.

3.06          Si occupa della gestione delle strutture sportive in uso per le attività dell’associazione, assolvendo le relative incombenze legali ed amministrative.

3.07          Ricerca, seleziona e nomina gli allenatori con la collaborazione del DS e del Coadiutore.

3.08          Mantiene i contatti con i rappresentanti delle realtà scolastiche, politico/amministrative, realtà sportive e culturali presenti sul territorio, nonché con gli enti di promozione sportiva e/o federazioni sportive cui l’associazione sia affiliata.

3.09          Si relaziona con il parroco, il coadiutore e il direttore dell’Oratorio per una fattiva collaborazione nell’ambito del progetto educativo dell’Oratorio.

3.10          Può delegare parte delle proprie mansioni al Vice Presidente.

3.11          Programma con il DS la nuova stagione sportiva, portandone il progetto in CD per la sua discussione e approvazione.

3.12          Programma con il DS l’impiego delle strutture in gestione nel rispetto dei criteri stabiliti dal CD.


 

Art 4.         Vice presidente

4.01          Il CD può eleggere al suo interno uno o più Vicepresidenti

4.02          Collabora con il presidente nella gestione dell’associazione.

4.03          Sostituisce il Presidente in caso di assenza, assumendone le facoltà.

4.04          In caso di nomina di più vice presidenti, il più anziano è di diritto considerato il V.P. Vicario.

Art 5.         Tesoriere

5.01          Viene nominato dal CD all’interno dei propri membri.

5.02          Si occupa della gestione finanziaria e fiscale dell’associazione.

5.03          Elabora annualmente il bilancio preventivo e – a chiusura dell’esercizio sociale – redige il bilancio consuntivo che il CD sottopone all’approvazione dell’assemblea.

Art 6.         Direttore Sportivo

6.01          Viene nominato dal CD tra i soci dell’Associazione.

6.02          In caso non sia scelto tra i membri del CD, dovrà partecipare alle riunioni del CD senza diritto di voto.

6.03          Deve avere buone competenze sia tecnico sportive che educative.

6.04          Collabora con il Presidente nel reclutamento e selezione degli allenatori.

6.05          E’ tenuto ad offrire la propria esperienza e collaborazione agli allenatori:
- nella gestione degli allenamenti
- nella gestione dei rapporti con gli atleti e/o con i loro genitori
-  nell’affrontare tutte le problematiche – anche logistiche – che gli allenatori stessi dovessero incontrare.

6.06          Accoglie le richieste degli allenatori facendosene portavoce presso il CD.

6.07          Supervisiona gli allenamenti e ne verifica il loro corretto svolgimento in tutti gli aspetti (tecnici, educativi, organizzativi), relazionandone il CD.

6.08          Collabora costantemente con il CD per il corretto e puntale svolgimento delle attività. In tal senso verifica l’andamento della stagione sportiva in corso, suggerendo eventuali correzioni al CD se difformi a quanto programmato.

6.09          Programma con la presidenza la nuova stagione sportiva, portandone il progetto in CD per la sua discussione e approvazione.

6.10          Programma con la presidenza l’impiego delle strutture in gestione nel rispetto dei criteri stabiliti dal CD.

6.11          Coordina i Dirigenti di Squadra nell’ambito dell’attività sportiva.

Art 7.         I Consiglieri

7.01          Come citato nell’introduzione, per maggiori specifiche sulle mansioni ed i doveri dei Consiglieri si fa rimando allo Statuto e/o agli art. del presente regolamento ove questi sono citati.

Art 8.         Responsabile acquisti

8.01          Nominato direttamente dal CD – di cui può o meno far parte – offre la propria collaborazione al tesoriere, per gestire le richieste di materiale, scegliere i prodotti migliori e le migliori offerte di fornitura.

8.02          Le proposte di spesa devono sempre e comunque essere vagliate ed autorizzate dal CD e/o da una commissione ad hoc e/o dal tesoriere, in base alle facoltà di spesa eventualmente concesse.

8.03          Gestisce direttamente i rapporti coi fornitori, mentre per i pagamenti fa riferimento comunque al tesoriere, salvo specifiche autorizzazioni.

Art 9.         Allenatore

9.01          Tutti gli allenatori sono nominati dal Presidente in collaborazione col DS.

9.02          Compito dell’allenatore è di concorrere alla formazione integrale e sociale dei ragazzi/e, valorizzando l’aspetto educativo e sviluppando in senso tecnico l’attività sportiva.

9.03          Nello specifico ha il compito di occuparsi della gestione della propria squadra.

9.04          E’ tenuto a seguire l’iter formativo proposto dal DS ed eventualmente concordare con esso un programma formativo personalizzato.

9.05          Collabora con il DDS nella gestione delle strutture;

9.06          Redige il foglio presenze ad ogni seduta di allenamento e per ogni partita, conservandone la raccolta fino al termine dell’anno sportivo, quando sarà consegnata alla Segreteria per l’archiviazione.

9.07          Segnala al DS, anche per il tramite del DDS, eventuali necessità logistiche (materiali) o problematiche relative alla squadra (orari, assenze, …).

9.08          Durante gli orari di allenamento e partita, è responsabile delle strutture, del loro contenuto e del materiale in dotazione.

9.09          In particolare deve curarne il giusto utilizzo e che, a fine sessione, tutto sia ordinatamente riposto. E’ tenuto a promuovere tale modalità alla squadra che gli viene affidata.

9.10          E’ tenuto a comunicare al DS, anche per il tramite del DDS, qualsiasi disguido e/o problema dovesse sorgere, sia sotto l’aspetto logistico che sotto quello relazionale (con i ragazzi a lui affidati, i loro genitori, …).

9.11          Nessuno è autorizzato a sostituire o sostituirsi all’allenatore se non con previo accordo del DS e/o del presidente.

9.12          E’ fatto espresso divieto a ciascun allenatore ad accettare ad allenamenti e/o partite, atleti e/o persone non facenti parte della sua squadra.

9.13          Necessità estemporanee ed assolutamente eccezionali dovranno essere autorizzate dal Presidente

Art 10.     Dirigente Arbitro e Ufficiale di campo

10.01       I Dirigenti Arbitro e gli Ufficiali di campo (segnapunti per la pallavolo e refertisti per il basket), previa frequenza all’obbligatorio corso in Federazione o Ente di Promozione Sportiva, sono a disposizione della Polisportiva per la gestione arbitrale delle partite casalinghe, ove necessaria.

10.02       Vengono selezionati dal DS.

10.03       Nominano al loro interno e per disciplina un referente, sono tenuti ad organizzare i propri turni in autonomia e con sufficiente anticipo rispetto allo svolgimento delle partite e dei campionati.

10.04       In caso di impossibilità sopravvenuta, sono altresì tenuti a trovare per tempo un sostituto autorizzato oppure qualora non vi riescano, a comunicarla per tempo al referente affinché possa provvedere.

10.05       Sono tenuti a partecipare a tutti gli aggiornamenti formativi richiesti dall’ente promotore (Federazione, CONI, EPS).

Art 11.     Dirigente di Squadra

11.01       Compito principale del Dirigente di Squadra (DDS) è di collaborare con gli allenatori per alleggerirli dai compiti burocratici e organizzativi che non riguardino gli ambiti puramente tecnici.

11.02       Il DDS deve essere una persona adulta con buona capacità organizzativa e relazionale.

11.03       Viene nominato dal Presidente.

11.04       Deve garantire la presenza alle partite.

11.05       E’ disponibile ad essere operativo in prima persona per i lavori di manutenzione e pulizia.

11.06       E’ collaborativo con gli allenatori e la dirigenza e ne segue le direttive.

 

Ruoli del DdS

11.07       Garantisce la manutenzione del campo/terreno di gioco, ne verifica comunque la praticabilità e il rispetto dei criteri per potervi disputare una partita ufficiale.

11.08       Il DDS ha la responsabilità delle attività a lui affidate, ma ne può delegare la realizzazione a terzi, possibilmente coinvolgendo i genitori degli atleti.

11.09       Per le partite casalinghe si incarica di verificare le strutture, gli spogliatoi e di accogliere squadra avversaria e DDG.

11.10       Si assicura che ufficiali di campo e DDG siano presenti per il regolare svolgimento dell’incontro.

11.11       Per le trasferte, organizza il raduno ed il trasferimento di atleti e accompagnatori.

11.12       Si interfaccia con la segreteria per tutte le questioni burocratiche (tesseramenti, corrispondenza, …).

Art 12.     Segreteria

12.01       I componenti la segreteria sono nominati dal Presidente.

12.02       La segreteria segue tutti gli aspetti amministrativi dell’Associazione, tra questi si elencano a titolo esemplificativo e non esaustivo:

12.03       Il ritiro delle iscrizioni e delle relative quote;

12.04       Il controllo e la gestione di certificati e visite mediche;

12.05       La preparazione della documentazione per i tesseramenti di atleti e dirigenti e l’iscrizione delle squadre ai tornei;

12.06       Mantiene ordinato l’archivio;

12.07       Provvede alla compilazione della “prima nota”, degli elenchi delle squadre e del libro soci;

12.08       Si occupa dell’invio della corrispondenza.

12.09       I membri della Segreteria sono tenuti al più severo rispetto delle norme sulla privacy.

Art 13.     Custodi

13.01       Il responsabile del servizio – nominato dal Presidente – ricerca in proprio il personale per garantire il presidio delle strutture.

13.02       Si occupano di presidiare le strutture in uso presso l’Oratorio durante le ore serali.

13.03       In caso di impossibilità, sono tenuti a trovare direttamente – tra le persone autorizzate - l’eventuale sostituto e, nel caso non vi riescano, a dar comunicazione all’incaricato responsabile in tempo utile, così da garantire comunque la continuità del servizio.

 

Art 14.     Atleti

Si considerano Atleti coloro (soci o non) che svolgono attività sportiva – agonistica e non – all’interno dell’Associazione.

Ogni atleta è tenuto a:

14.01       frequentare con assiduità e puntualità gli allenamenti e le gare;

14.02       utilizzare in maniera corretta le attrezzature e le strutture messe a sua disposizione;

14.03       rispettare le direttive impartitegli dall’allenatore.

 

Art 15.     Regole per variazione regolamento

Il presente regolamento può essere soggetto di variazioni secondo il seguente iter:

15.01       La variazione deve essere inserita – IN CHIARO – nell’ordine del giorno di un direttivo.

15.02       Le modifiche non devono MAI essere in contrasto con:
a) lo statuto;
b) le norme di legge.

15.03       Per la validità della variazione, dovranno essere presenti almeno i 2/3 dei componenti il Direttivo;

15.04       La maggioranza richiesta è il superamento del 50 % dei presenti.

 

Art 16.     Elezioni del Consiglio Direttivo

Chiunque – socio o non - condivida le finalità dell’associazione e ne accetti lo statuto, può candidarsi per le elezioni, a patto che abbia già raggiunto la maggiore età entro la data dell’insediamento del nuovo direttivo.

Ogni socio votante potrà esprimere un massimo di 3 preferenze.

 

Il Direttivo uscente deve:

16.01       Dare un’esaustiva informativa ai soci e sollecitarne le candidature;

16.02       Determinare il numero dei consiglieri da eleggere:

Il numero è previsto dallo  Statuto. Il numero massimo è 15

16.03       Fissare la data delle elezioni;

16.04       Consegnare ai candidati:

a.   Statuto

b.   Regolamento

16.05       Provvedere allo spoglio delle schede ed alla redazione della graduatoria;

a.   Vengono eletti i candidati che ottengono il maggior numero di voti;

b.   In caso di parità di voti tra uno o più candidati, viene dato vantaggio al candidato più giovane;

c.   Gli allenatori eventualmente eletti, per l’evidente conflitto d’interesse,  dovranno rinunciare a una delle cariche.

16.06       Prevedere un periodo di passaggio di consegne, e rimanere a disposizione almeno sino all’avvio della nuova stagione.
In questo periodo il consiglio uscente offre la massima collaborazione affiancando, ove richiesto, in tutte le questioni amministrative, il Direttivo entrante, in modo di dare esaustiva informativa ai neo-consiglieri su tutti gli aspetti gestionali dell’Associazione.

 

 

Art 17.     Disposizioni varie

17.01       Ogni squadra, a fine stagione, è tenuta rendere, per il tramite del DDS o dell’allenatore, tutto il materiale messo a sua disposizione, ivi comprese le divise di gioco.

17.02       L’attrezzatura sportiva – divise comprese – è fornita dalla Associazione.

17.03       Nessuna squadra, a nessun titolo, è autorizzata ad utilizzare divise diverse da quella ufficiale.